Come riconoscere un gatto geloso

Come si riconosce un gatto geloso? Prima di rispondere a questa domanda, occorre parlare del carattere del gatto. Si tratta del vostro micio quindi dovreste conoscerlo bene nelle sue manifestazioni e quindi dovreste sapere se è un gatto dominante o meno.

55d343d529ed6-1

Un gatto dominante è per esempio quello che non si fa scrupolo di soffiarvi o di andare in aggressività se non gli va bene qualcosa, mentre un gatto meno dominate può essere quello che tende a nascondersi. Poi vi sono i gatti coccoloni, quelli che vengono definiti gatti-cane ossia si comportano come i cani, vi seguono ovunque e vi chiedono coccole, coccole e ancora coccole.

In base alle conoscenze che avete del vostro gatto. Abbiamo preso in riferimento tre tipologie di personalità felina:

  • Gatto dominante
  • Gatto timido
  • Gatto coccolone

Non sempre è facile individuare la gelosia del gatto, in quanto anche in queste tre categorie molto generiche vi sono una infinità di varianti. Oltretutto bisogna tenere conto di cosa è cambiato, ossia chi è arrivato a turbare il quieto vivere del gatto?

Facendo riferimento, ai tre tipi di personalità sopraccennati, va da sé che il gatto dominante potrebbe mostrare gelosia e diventare aggressivo. All’arrivo di un nuovo cucciolo sarà quindi sarà facile vedere il gatto che soffia contro il nuovo arrivato, mostrerà i suoi artigli e tenderà a tenersi stretti i propri spazi.

Se si trova di fronte ad un altro gatto adulto o un cane, bisognerà osservare il loro carattere. Potrebbero essere gli ultimi arrivati ad avere la meglio e ridurre gli spazi del dominante, mettendolo in fuga. Spesso queste situazioni finiscono in tafferugli che, in caso di parità, porteranno gli animali ad ignorarsi per il quieto vivere. Per esempio ci sono gatti dominanti che accettano il cane ma non un altro gatto.

Il gatto timido di fronte ai nuovi arrivi sia cuccioli che adulti potrebbe accentuare la sua abitudine a nascondersi maggiormente. Mentre il coccolone potrebbe richiedere all’umano ancora più coccole, allo scopo di sottrarle al nuovo arrivato o arrivati.

Cosa fare se abbiamo un gatto geloso

E’ importantissimo in questi casi far capire al gatto geloso che nulla è cambiato. Le cure, l’amore e le coccole rimangono le stesse, così come i suoi spazi. Ciò significa che il nuovo arrivato non dovrà mai essere trattato con maggiore attenzione del vecchio, (indipendentemente se si tratti di un cane, di un altro gatto o di un fidanzato o fidanzata)  soprattutto di fronte a quest’ultimo, altrimenti instaurerete nel gatto insicurezze.

Al gatto geloso infatti importa poco che si tratti di un umano o di un altro animale domestico perché la sua preoccupazione è difendere i propri spazi e le proprie abitudini. Quindi non offrite mai al nuovo arrivato (cane o gatto in questo caso) i giochi di quello vecchio. Allo stesso modo non dovrete rimproverare il gatto vecchio se mostra aggressività per il nuovo arrivato.

Laddove contano le dimensioni: ad esempio, avete un gatto e vi arriva un fidanzato con un doberman, cercate di evitare gli scontri, finchè non si abituino uno all’altro. Se il primo micio capirà che il nuovo arrivato non modificherà le sue abitudini, smetterà di essere un gatto geloso.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Protected by WP Anti Spam