Prevenzione malattie renali: Un consiglio utile per la salute del gatto

Si dice che i gatti abbiano sette vite (nove per gli anglosassoni), a significare che sarebbero dotati di una particolare resistenza alle malattie e avrebbero un’innata propensione a lasciare questa terra molto tardivamente.

La realtà è un tantino diversa e, se è vero che le capacità di sopravvivenza di un gatto sono nettamente superiori a quelle di un cane o di un cavallo, è anche vero che ci sono alcune malattie che costituiscono un po’ il tallone d’Achille della sua anzianità. Tra queste, la più comune è sicuramente l’insufficienza renale, acuta e cronica.

Il rene del gatto è un organo molto delicato che va in crisi facilmente per numerosi motivi, per cui quando Micio ha una certa età è bene prendere le dovute misure di cautela. Uno dei primi sintomi che qualcosa non va è l’eccessiva sete ma quando ci si accorge di questo spesso l’organo è già compromesso.

Da pochi anni abbiamo un semplice esame del sangue (SDMA) che è in grado di svelare, con largo anticipo, i danni renali. Il consiglio dunque, per gli umani che convivono con i gatti dai dieci anni in su, è quello di sottoporre il micio a un prelievo di sangue (talvolta in sedazione se il gatto non è propriamente d’accordo), almeno una volta l’anno a partire dai 9/10 anni, per prevenire l’insorgenza di nefropatie prima che esse diventino non più curabili. parlatene con il vostro veterinario di fiducia.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Protected by WP Anti Spam