Il gatto sceglie il suo umano di riferimento, in che modo lo fa e come capire se l’ha già fatto

I gatti sono molto selettivi quando si tratta di decidere a chi dare la propria fiducia.

Il gatto può essere molto selettivo e diffidente quando si tratta di scegliere la persona preferita: anche se ci sono esemplari più affettuosi e altri più selettivi, è comunque innegabile che un gatto faccia una scelta ben precisa quando si tratta di “eleggere” il proprio umano.

Un gatto sceglie il suo umano in base a delle regole ben precise, e quando lo fa sa come far sentire la persona in questione decisamente speciale: scopriamo insieme in che modo micio prende questa importante decisione e cosa c’è dietro la sua scelta.

Il gatto convive con gli esseri umani da moltissimi anni: secondo gli studiosi, le persone avrebbero iniziato ad addomesticare i primi gatti selvatici ai tempi della Mesopotamia, quando è iniziata la pratica dell’agricoltura. Il motivo è semplice: immagazzinare grano e cereali significava attirare i topi, e i gatti potevano essere di grande aiuto per evitare questi ospiti indesiderati.

Con il passare dei secoli, il gatto ha capito sempre di più che vivere accanto alle persone significava avere facile accesso al cibo ed è per questo che hanno imparato a restare nelle nostre case, iniziando pian piano ad affezionarsi sempre di più alle famiglie che li ospitano. Anche i gatti più socievoli, però, tendono a scegliere un’unica persona che diventa il loro umano “preferito”: la scelta in questione dipende da una serie di fattori che andiamo a elencare.

Anche se è impossibile dare un elenco definitivo delle motivazioni che portano micio a scegliere la sua persona preferita, considerando che ciascun gatto ha la propria personalità specifica, esistono comunque alcuni fattori e circostanze sulle quali il felino basa la propria decisione.

Tra queste ritroviamo prima di tutto la circostanza in cui si instaura un legame precocemente, quando il gattino è ancora cucciolo: se micio è molto piccolo (l’età ideale è quella compresa tra le 4 e le 9 settimane), non avrà paura degli umani come capita ai gatti adulti e sarà più facile avvicinarli e diventare il loro umano preferito.

La motivazione principale è che a quell’età il gatto è nel pieno della sua fase di socializzazione, e impara molto più facilmente a fidarsi delle persone perché riconosce suoni, odori, immagini. Inoltre, una volta raggiunta l’età giusta per separare il gattino dalla mamma, è facile che il piccolo abbia bisogno di individuare in una persona la sua nuova figura di riferimento.

Ma cosa succede se adottiamo un gatto adulto? Anche in questo caso ci sono delle circostanze che facilitano la costruzione di una relazione con il micio: vediamo come il gatto sceglie il suo umano quando è cresciuto.

A prescindere dall’età del gatto, quando un nuovo amico felino arriva in famiglia è fondamentale imparare a comunicare con lui in maniera efficace: i gatti sono animali estremamente comunicativi, che riescono a esprimere ciò che pensano e sentono con la postura, i movimenti della coda, le fusa, i miagolii.

Se riusciamo a metterci in linea con lo stile comunicativo del gatto, possiamo aspettarci di costruire con lui una relazione gatto-umano basata sulla comprensione, l’affetto e la fiducia: ecco perché è fondamentale conoscere il linguaggio del gatto e tutti gli aspetti relativi a come utilizza corpo e suoni per parlare con noi.

Ciascun gatto è unico, con una personalità e un carattere ben definiti che lo distinguono da qualsiasi altro esemplare di felino domestico: ci sono tanti fattori che concorrono alla formazione della sua personalità, dalle esperienze in fase di socializzazione, alla razza di appartenenza, alle semplici stranezze che ciascun micio porta con sé.

Proprio come accade tra esseri umani, anche tra gatto e persone possono esserci particolari affinità che fanno sì che il gatto scelga o meno una persona specifica come suo umano: di solito, se sei la persona con la quale ama trascorrere la maggior parte del tempo, è plausibile che il gatto ti abbia scelto come umano di riferimento.

Se hai appena adottato un gatto o se stai pensando di farlo, potrebbe essere utile sapere quali sono i comportamenti giusti per avere maggiore probabilità di far breccia nel suo cuore e farti scegliere come suo umano di fiducia e persona preferita: in generale, i gatti si affezionano a chi gli da’ da mangiare e gioca con loro.

A questi aspetti semplici e quasi scontati, si può aggiungere la capacità di comprendere e rispettare le esigenze di un animale indipendente e misterioso come il gatto: cerca il giusto equilibrio tra trascorrere del tempo con lui e lasciargli lo spazio e la solitudine di cui ha bisogno.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Protected by WP Anti Spam