Manda via di casa il gatto del fidanzato mentre lui non c’è, la donna riceve lo stesso trattamento

Foto di Dids da Pexels

La mia ragazza, con cui sto insieme da due anni, si era trasferita in casa mia da poche settimane.  A lei non piaceva il mio gatto e i gatti in generale, ma di certo non avrei mai pensato che avrebbe avuto la cattiveria di mandare via a calci il mio gatto mentre non ero in casa.

Questa è la brutta avventura vissuta da Raven, un gatto dal pelo nero di tre anni, e il suo adorato proprietario. «Quando sono tornato a casa lui non c’era. Era sparito. Ma lui non è un micio che ama stare all’aperto. Sono rimasto in ansia per molte ore fino a quando un mio amico me l’ha riportato dicendomi che l’aveva trovato fuori dalla sua porta di casa» racconta l’uomo che ha chiesto alla propria fidanzata come fosse finito fuori di casa visto che non ama uscire e lei ha ammesso di averlo sbattuto a calci fuori dalla porta.

«Ero furioso, non aveva alcun diritto di sbattere fuori da casa mia il mio gatto. Così le ho detto di andarsene da casa mia il più presto possibile» racconta sempre l’uomo sui social.

La donna ha cercato di fargli cambiare idea dicendogli che non aveva posto dove andare e che sarebbe finita in mezzo alla strada, ma l’ormai ex fidanzato non ha voluto sentire ragioni: «Non mi interessa, le ho ribadito,  devi lasciare la casa. I miei amici mi hanno detto che sono stato troppo duro con lei, ma il mio gatto sarebbe potuto morire a causa del suo gesto e non voglio che possa ricapitare».

Fonte LaZampa