Trova nell’immondizia una scatola con la scritta “fragile” e scopre che dentro c’è un gatto

Una signora stava portando fuori la spazzatura, come tutti i giorni, quando ha notato un grosso scatolone con la scritta “fragile”, vicino al cassonetto. Si è avvicinata per spostarlo e riuscire a buttare il suo sacchetto, quando si è accorta che la scatola si muoveva. Incuriosita, l’ha aperta e non poteva credere ai suoi occhi: dentro c’era un sacchetto di plastica chiuso che si muoveva come se dentro ci fosse qualcosa di vivo. La donna ha immediatamente rotto la plastica ed è rimasta sconvolta nell’incrociare lo sguardo terrorizzato di un gatto. Anche per lei lo choc è stato forte: non poteva credere che qualcuno avesse voluto uccidere in quel modo l’animale, eppure il sacchetto era chiuso e chi lo aveva fatto si era impegnato perché il gatto non potesse in alcun modo liberarsi. Rendendosi conto che il micio aveva immediato bisogno di aiuto, la signora lo ha subito raccolto e messo in macchina per poi contattare il centro per animali abbandonati più vicino.

«È un miracolo che sia stato trovato prima di soffocare, chiuso com’era nel sacco dell’immondizia», ha commentato Kate Wright, la direttrice del Rspca inglese che ha risposto alla chiamata della donna.

Il veterinario ha verificato le condizioni della piccola, scoprendo che si trattava di una gattina. Aveva la pelle rovinata dalle zecche e da un’allergia, ma complessivamente era in salute. È stata chiamata Holly e, come ha detto il medico, sta incredibilmente bene considerando l’esperienza subita, ma è terrorizzata.

Oggi la micina è ricoverata per curare la sua allergia, poi lo staff della RSPCA valuterà il da farsi: Holly non ha il microchip e quindi è quasi impossibile rintracciare chi l’ha abbandonata. Molto probabilmente, non appena tornerà in salute, verrà adottata da una nuova famiglia.

«La sua fortuna è stata incrociare una donna splendida che la ha salvata: chissà cosa avrebbe potuto succederle, chiusa in quella scatola. Il camion della nettezza urbana avrebbe potuto gettarla via e schiacciarla coi rifiuti, oppure poteva morire soffocata. Chi l’ha messa lì è senza cuore», ha detto Kate, che è ancora stupita di come Holly sia riuscita a scampare per puro caso alla morte. Ora, l’obiettivo è trovare qualcuno che si prenda cura di lei, in modo che la piccola possa tornare a fidarsi degli umani.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Protected by WP Anti Spam