Un supermercato mette al bando il gatto del vicinato, i clienti pronti al boicottaggio

I clienti di un negozio Tesco Express, a Drayton (Regno Unito) sono sul “piede di guerra” dopo che il punto vendita ha deciso di mettere a bando un gatto che ne era diventato un visitatore abituale. Tutti conoscono Pumpkin, un micio che amava entrare dentro il negozio per farsi due passi e poi terminare il tutto con un sonnellino coricato su alcune casse. Il tutto con i sorrisi dei clienti, ma non quelli dei capi dell’esercizio commerciale: il responsabile del negozio, Andrew Tabiner, 49 anni, ha detto che al gatto non sarebbe più permesso entrare dentro: «Il gatto è stato bandito e stiamo facendo del nostro meglio per mostrargli la porta. Non può entrare dentro, non è la politica di Tesco e stiamo facendo di tutto per scoraggiarlo. Non è assolutamente un animale adatto a stare in negozio».

Tutto è probabilmente iniziato quando qualche cliente uscendo dal negozio lo ha visto e gli ha dato da mangiare. La temperatura piacevole dell’esercizio commerciale ha poi fatto il resto. Ma la decisione dei capi del Tesco Express non è piaciuta ai clienti: sui social network sono iniziati a piovere i commenti che sottolineano quanto quel micio sia adorabile e che non stia provocando alcun danno al negozio.

Pumpkin non è un gatto randagio, ma ha una famiglia; il suo proprietario, Jo Harding, 49 anni, racconta come regolarmente il micio faccia visita ai suoi negozi preferiti in città, tra cui un agente immobiliare e il pub locale: «Non dà fastidio, penso che voglia solo un po ‘di attenzione dalla gente! Viviamo a circa 100 metri da Tesco e c’è una fila di negozi fra cui un agente immobiliare, un estetista e un pub in cui si reca ma è il suo luogo preferito è Tesco».

Pumpkin ha sei anni e ha avuto alle spalle una vita da randagio sin quando la famiglia Harding l’ha adottato. Negli ultimi 18 mesi ha iniziato a frequentare il Tesco Express e «lo staff lo adora – dice Jo – . Per questo non ho capito perché abbiano deciso di metterlo al bando dopo così tanto tempo».

Negli ultimi giorni il profilo Facebook di Jo si è riempito di richieste di amicizia e molti di loro dicono che vogliono boicottare gli acquisti in quel punto vendita: «Non riesco ancora a credere il sostegno travolgente che abbiamo avuto. Sapevamo che era molto amato nella comunità ma non a questo livello! Mi rendo conto che i gatti di solito non sono ammessi nei negozi, ma non posso fermarlo a meno che non lo tenga in un posto che sarebbe ingiusto nei suoi confronti. Dio eviti che gli succede qualcosa, la comunità sarà devastata!»

Un portavoce di Tesco ha dichiarato: «Anche se adoriamo il gatto che visita Acres Way Express, un negozio di alimentari non è il posto migliore per un gatto, quindi i nostri colleghi semplicemente lo incoraggiano delicatamente a uscire quando cerca di entrare».

Fonte: www.lastampa.it/animali

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Protected by WP Anti Spam